homework helpers essays and term papers how homework helps students learn custom essay service dissertation review service editing why i want to attend college essay cv writing service us surrey buy college application essays online colleges requiring essay for admission help homework kindergarten buy academic paper

Centro Studi Judicaria

Giovanni Paoli (2013)


Esposizioni dal 26 luglio al 4 agosto 2013
Inaugurazione venerdì 26 luglio alle ore 18,00
_______________________

apertura tutti i giorni 16.00-19.00 Note

Giovanni Paoli nasce a Ragoli (Trento) l’11 febbraio 1921.
La sua famiglia – composta del papà Ludovico Paoli, della mamma Alice Troggio,
i fratelli Livio e Fiorindo e le sorelle Ida e Lidia – viveva a Ragoli
ma in estate si trasferiva a Madonna di Campiglio dove il papà allevava ed accudiva il bestiame
prendendo in affitto la malga Campo Carlo Magno che apparteneva a Fritz Österreicher,
proprietario del Grand Hotel Des Alpes e Golf Hotel.
Papà Ludovico per onorare l’affitto della malga si impegnava a fornire agli hotel il latte
e il burro per l’intera stagione estiva.
Giovanni intanto diventava un vivace bambino frequentando le scuole elementari
nel paese natio, inserito nella pluriclasse della prima e seconda,
poi in quella dalla terza alla quinta.
Naturalmente il tempo d’oro dell’infanzia sembra essere rimasto nella memoria
di Giovanni e il fascino dei giochi di allora pare ancora emergere dalle
sue creature fantastiche fatte delle schegge deposte dei boschi, quei boschi dove
allora si correva a perdifiato in solitudine o con gli amici e che oggi si rianimano
di scintillanti presenze dell’immaginazione.
Una lunga storia quella di Giovanni cresciuto fra le montagne, una vita intensa
fatta di impegno e pensieri giovanili, di speranze e sogni, quei sogni che
da alcuni anni riaffiorano in forma di irrequieti animaletti, le sue creazioni d’arte in legno dipinto.
Eccole le piccole creature, “oggetti trovati” rimessi in circolo e balzanti nella realtà,
intrisi di sorprendente vivacità in  affermazione di uno spirito leggero e fanciullesco che solo
gli artisti veri e sinceri sanno distinguere e suggerire.
Giovanni Paoli, con impeto e sorridente spontaneità sembra aver appreso
la teoria della bellezza delle cose che si manifestano nell’eleganza della semplicità,
mentre gioca a svelare forme e sembianze che ad alcuni occhi distratti sono precluse.
Una forma d’arte la sua in continua trasformazione, nella necessità di restituire valore e rispetto
a tutte le cose animate ed inanimate di questo mondo. (Alessandro Togni)


< Torna alla lista
Via-dei-migranti-stagionali Rivista Judicaria